Ultime Notizie
Bambini e ragazzi a tavola: due incontri il 23 e 29 novembre in biblioteca » Il rapporto tra cibo e mente, l’educazione alimentare come generale miglioramento dello stato di benessere e degli individui, promozione di adeguate abitudini alimentari e ancora i DCA, ovvero i disturbi del comportamento alimentare. Sono queste le tematiche dei due incontri che l’assessorato all’educazione e formazione del Comune di Vimercate organizza giovedì 23 e mercoledì 29 novembre nell’auditorium della Biblioteca Civica di piazza Unità d’Italia 2/g con la partecipazione della psicologa e psicoterapeuta Michela Elsa Pozzi.Per favorire la partecipazione agli incontri da parte di genitori e insegnanti, saranno organizzati negli stessi orari, presso la sala ragazzi della biblioteca, anche eventi dedicati ai bambini.Primo appuntamento giovedì 23 novembre dalle ore 17.00 alle ore 18.30 Per gli adulti  “Bambini e cibo - non solo nutrizione ma scambio affettivo e relazionale”Incontro per i genitori e gli insegnanti dei bambini che frequentano le scuole dell’infanzia e primariaPer i bambiniIlfiloTeatro propone “Storie in tavola” lettura animata per bambine e bambini dai 4 anniSecondo appuntamento mercoledì 29 novembre dalle ore 17 alle ore 18.30Per gli adulti “I disturbi alimentari - Anoressia, bulimia e obesità le malattie della nostra epoca?”Incontro per i genitori e gli insegnanti di preadolescenti ed adolescentiPer i bambini “Sapori di parole, profumi di poesia (ingredienti a sorpresa)” - letture per bambine e bambini dai 9 anni Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria preferibilmente a questo link https://doodle.com/poll/8n76mzdvskrgsyu3 oppure via e-mail all’indirizzo pi@comune.vimercate.mb.it o telefonicamente ai numeri 039.66.59.453-4
Misure antismog, Vimercate aderisce all'accordo del bacino padano » Dal 17 ottobre 2017, in base a quanto stabilito dall’Accordo del Bacino Padano, sono in vigore le misure antismog di 1° livello nei Comuni delle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Monza e Brianza e della Città metropolitana di Milano.Sono coinvolti tutti i Comuni superiori ai 30.000 abitanti. Il Sindaco di Vimercate Francesco Sartini con l'ordinanza n.100 ha aderito all'accordo anche se Vimercate non supera i 30.000 abitanti.Queste sono le misure permanenti valide fino al 31 marzo 2018 divieto di circolazione da lunedì a venerdì dalle 7.30 alle 19.30 agli autoveicoli benzina Euro 0, diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, motocicli e ciclomotori a due tempi di classe Euro 1 e il blocco totale, da lunedì a domenica dalle 00.00 alle 24.00, dei motoveicoli e ciclomotori a due tempi di classe Euro 0 in tutto il territorio regionale.MISURE ANTISMOG DI 1° LIVELLO (non attive)SUPERAMENTO PER 4 GG CONSECUTIVI DEL VALORE DI 50 MICROG/M3 DI PM10Estensione del divieto di circolazione ai seguenti veicoli:- autovetture diesel private Euro 3 e Euro 4 dalle 8.30 alle 18.30- veicoli commerciali diesel fino alla classe Euro 3 dalle 8.30 alle 12.30 MISURE ANTISMOG DI 2° LIVELLO (non attive)SE GLI SFORAMENTI SI PROTRAGGONO PER OLTRE 10 GIORNIEstensione del divieto di circolazione ai seguenti veicoli:- veicoli commerciali diesel fino alla classe Euro 3 dalle 8.30 alle 18.30- veicoli commerciali diesel fino alla classe Euro 4 dalle 8.30 alle 12.30SOSPENSIONE MISURE ANTISMOGLa sospensione delle misure temporanee antinquinamento avviene se:- la concentrazione del giorno precedente il giorno di controllo è al di sotto del valore limite di 50 mg/m3 e le previsioni metereologiche prevedono condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti- nei quattro giorni precedenti al giorno di controllo si osservano almeno due giorni consecutivi al di sotto del valore limite di 50 mg/m3- La sospensione delle misure ha effetto a partire dal giorno successivo a quello di controllo.A ...
Variante generale PGT. Percorso di partecipazione. Fase 2: Disegnare » Con l'incontro pubblico di presentazione di martedì 7 novembre è iniziata la seconda fase del percorso di partecipazione legato all'approvazione della Variante Generale al Piano di Governo del Territorio di Vimercate (la fase del Disegnare). Se nella prima fase (Immaginare) si chiedeva ai singoli Cittadini di inviare direttamente al Comune proposte per il futuro della Città, la seconda fase (Disegnare) è quella della condivisione: prima su una piattaforma multimediale dedicata e poi con veri e propri tavoli di lavoro, i partecipanti avranno modo di condividere le loro idee per lo sviluppo della Città, approfondirle, discuterle e far crescere attorno a esse il consenso di altri Cittadini.Il procedimento di condivisione è semplice e aperto a tutti, anche a chi non ha partecipato alla prima fase del percorso.Visita la piattaforma multimediale dedicata, iscriviti, condividi le tue idee per Vimercate e scopri quelle degli altri CittadiniGuarda la videonotizia che riassume l'incontro di presentazione del 7 novembre   LA FASE DUE IN SINTESI> 10-26 novembre: caricamento delle proposte e/o manifestazione di interesse per le proposte di altri sulla piattaforma multimediale. > Dicembre: convocazione dei 4 tavoli di lavoro (Abitare; Muoversi e lavorare; Cultura, tempo libero e cura; Ambiente e natura)   LINK UTILI - Visita la piattaforma digitale per iscriverti ai tavoli di lavoro e caricare le tue proposte.- Guarda la videonotizia dedicata all'incontro pubblico del 7 novembre. - Leggi le slide di presentazione della seconda fase del percorso di partecipazione (Disegnare). - Consulta tutti i documenti relativi alla variante parziale al PGT, approvata il 20 aprile 2016.     Ricordiamo qui di seguito in breve le tre fasi del percorso di partecipazione.     VARIANTE GENERALE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPERCORSO DI PARTECIPAZIONE Immaginare, Disegnare, Governare   Fase 1: Immaginare È la fase in cui ciascun portatore di interesse (c...
Bonus Idrico: proprogato al 31 dicembre » E' stato proropgato al 31 dicembre 2017 il “bonus idrico” lo sconto sulla bolletta dell'acqua dedicato alle famiglie. Requisito essenziale essere in possesso di un'attestazione ISEE inferiore a 18.000 € Tre le tipologie di sconto suddivise in base all'ISEE:€ 150,00 in presenza di un indicatore ISEE compreso tra € 0,00 e € 6.000€ 100,00 in presenza di un indicatore ISEE compreso tra € 6.000,01 a € 12.000,00€ 50,00 in presenza di un indicatore ISEE compreso tra € 12.000,01 e € 18.000.(fino ad esaurimento fondi)Per aderire è necessario ritarare il modulo a Spazio Città o scaricarlo qui, compilarlo e consegnarlo sempre a Spazio Città insieme alla copia della dichiarazione ISEE in corso di validità inferiore, della copia del documento d’identità del richiedente l’agevolazione; per i cittadini comunitari: attestazione di regolarità di soggiorno; per i cittadini extracomunitari: copia del permesso di soggiorno in corso di validità (o documentazione comprovante l’avvenuta richiesta di rinnovo)Infine per le utenze private la  copia dell’ultima bolletta idrica dell’intestatario del contratto. mentre per le utenze condominiali la copia dell’ultima bolletta idrica del condominio da richiedere all’Amministratore e/o al soggetto che provvede alla ripartizione dei consumi; la dichiarazione dell’Amministratore e/o del soggetto che provvede alla ripartizione dei consumi condominiali prevista nella parte dedicata del modulo di BrianzaAcque.

Sostegni economici

PDF  Stampa  E-mail 

 

Assegno nucleo familiare concesso dai Comuni

È un assegno concesso in via esclusiva dai Comuni e pagato dall’Inps, per le famiglie che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati; viene erogato mensilmente al nucleo familiare per tredici mensilità.

Hanno diritto all’assegno per il nucleo familiare dei Comuni:
i nuclei familiari composti da cittadini italiani e dell’Unione europea residenti, da cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, nonché dai familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

i nuclei familiari composti almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente medesimo o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo. Il requisito della composizione del nucleo non si considera soddisfatto se uno dei tre figli minori, quantunque risultante nella famiglia anagrafica del richiedente, sia in affidamento presso terzi;
nuclei familiari con risorse reddituali e patrimoniali non superiori a quelle previste dall’indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) valido per l’assegno. Per l’anno 2015 l’ISEE è pari a 8.555,99  euro.

LA DOMANDA
Deve essere presentata al Comune di residenza entro il termine perentorio del 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’Assegno al nucleo familiare (ANF).
Deve essere accompagnata da una dichiarazione sulla composizione e sulla situazione economica del nucleo familiare (I.S.E.E.) in corso di validità.
I requisiti devono essere posseduti dal richiedente al momento della presentazione della domanda; i soggetti che presentano la domanda nel mese di gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’assegno, devono fare riferimento ai requisiti posseduti alla data del 31 dicembre immediatamente precedente.
Il Comune, riscontrata la sussistenza di tutti i requisiti, con proprio provvedimento dispone il mandato di pagamento all’Inps dandone contestuale comunicazione al cittadino richiedente.
L’Inps provvede al pagamento con cadenza semestrale posticipata (entro il 15 luglio e il 15 gennaio). I dati riguardanti il mandato di pagamento devono essere ricevuti almeno 45 giorni prima della scadenza del semestre.
Il Comune che ha concesso il beneficio è competente per i controlli e per gli eventuali provvedimenti di revoca.

QUANDO SPETTA
Spetta in presenza di:
nucleo familiare composto almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente medesimo o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo;
risorse reddituali e patrimoniali del nucleo familiare non superiori a quelle previste dall’indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) valido per l’assegno.

DECORRENZA E TERMINE DEL DIRITTO
Il diritto decorre dal 1° gennaio dell’anno in cui si verificano le condizioni prescritte dalla legge, salvo che il requisito rappresentato dalla presenza di almeno tre figli minori si sia verificato successivamente. In quest’ultimo caso decorre dal primo giorno del mese in cui il requisito è stato soddisfatto.

Il diritto all’assegno cessa: Dal 1° di gennaio dell’anno in cui viene a mancare il requisito del valore dell’indicatore I.S.E.E. oppure dal 1° giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare il requisito relativo alla composizione del nucleo.

QUANTO SPETTA
L’importo dell’assegno è annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Per l’anno 2016 l’importo è pari in misura intera a euro 141,30 mensili.

Scarica il modulo per la richiesta dell'assegno familiare.

 



Assegno di maternità
L'assegno di maternità può essere richiesto da cittadine italiane, comunitarie o extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno, residenti a Vimercate. L'indennità può essere richiesta per ogni figlio nato (al parto gemellare spettano due assegni), per ogni minore adottato o in affidamento preadottivo dalle madri che non benificiano del trattamento previdenziale dell'indennità di maternità o che fruiscano di un'indennità inferiore a quella dell'assegno.
Altro requisito richiesto riguarda la situazione economica I.S.E., che non deve essere superiore a quanto fissato dall'INPS (per esempio per l'anno 2014 e con un nucleo familiare di tre componenti, il limite è fissato a € 35.256,84).
L'assegno va richiesto al comune di residenza, improrogabilmente entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall'ingresso in famiglia in caso di adozione e viene pagato direttamente dall'INPS.
Il richiedente, unitamente alla domanda, deve presentare la dichiarazione sostitutiva unica (modulo ISEE), inerente i redditi del proprio nucleo familiare.

L'assegno va chiesto al comune di residenza, improrogabilmente entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall’ingresso in famiglia in caso di adozione o affido preadottivo  e viene pagato dall'INPS.

L'importo  dell'assegno per tutto il 2016 è pari a € 1.694,45 (€ 338,89 mensili per cinque mesi).

Per ottenere il suddetto assegno il cittadino richiedente, unitamente alla domanda, deve presentare l'ISEE  (prevista dal D.L. 31 marzo 1998, n. 109, come modificato dal D.L. 3 maggio 2000, n. 130) valevole per la richiesta di prestazioni sociali agevolate.

 

Scarica il modulo per la richiesta dell'assegno di maternità.

Ricordiamo che esiste anche un assegno di maternità dello Stato che  può essere richiesto presentando domanda all'INPS, entro sei mesi dalla nascita o dall'adozione. Per ulteriori informazioni e per scaricare la domanda è possibile consultare il sito dell'INPS.


Le domande per gli assegni e i contributi devono essere presentate ai Servizi Sociali del Comune di Vimercate (Galleria di piazza Marconi, 7: lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12; giovedì dalle 16 alle 18. Telefono: 039/66.59.460 o 039.66.59.459).
Per il ritiro dei moduli e per ulteriori informazioni è possibile rivogersi anche a Spazio Città (Via Papa Giovanni XXXIII: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì dalle 8 alle 19; giovedì dalle 8 alle 21; sabato dalle 9 alle 13) numero verde 800.012.503.

 

Bookmark and Share

Comune di Vimercate - Piazza Unità d'Italia, 1 - 20871 Vimercate (MB) - Tel 039.66591 Fax 039.6084044
Email: spaziocitta@comune.vimercate.mb.it - PEC: vimercate@pec.comune.vimercate.mb.it - P.I. 00728730961 - C.F. 02026560157

Valid HTML 4.01 Strict CSS Valido!